fbpx
"Cosa avete aspettato di più nella vita?", sul blog di Studio Logos
1020
post-template-default,single,single-post,postid-1020,single-format-standard,bridge-core-2.9.9,qodef-qi--no-touch,qi-addons-for-elementor-1.5.4,qode-page-transition-enabled,ajax_fade,page_not_loaded,,side_area_uncovered_from_content,qode-theme-ver-28.3,qode-theme-bridge,qode_header_in_grid,wpb-js-composer js-comp-ver-6.7.0,vc_responsive,elementor-default,elementor-kit-1061
 

Cosa avete aspettato di più nella vita?

Cosa avete aspettato di più nella vita?

Ho letto un articolo all’apparenza “leggero”, di quelli che ti dicono quanto tempo passiamo della nostra vita ad aspettare…
Buttiamo via QUATTROCENTO ore l’anno in fila: alle poste, alla cassa del supermercato, al semaforo, in banca…
SEDICI giorni persi in un anno!

Al di là dello scoramento iniziale che mi ha preso pensando a oltre due settimane della mia vita in un anno buttate via in snervanti attese, ho iniziato a pensare ad un altro tipo di attesa e mi sono domandata:
Cosa ho aspettato di più nella mia vita?

Mi ricordo gli interminabili minuti seduta davanti al telefono – già perché da ragazzina non esistevano ancora i cellulari (sigh) – in attesa che il fidanzatino mi chiedesse di uscire.
E quegli interminabili secondi che passavano, durante le mie gare di atletica leggera, per la misurazione del mio salto; secondi che potevano dire vittoria o sconfitta.
L’emozione di scoprire, dopo la magia dello sviluppo su carta del mio scatto fotografico, come fossero venute le prime foto.
E poi le attese per conoscere la risposta ad una proposta di lavoro, perché venisse riconosciuta la validità dei miei sforzi lavorativi.
Una vita in attesa, insomma.
In attesa di grandi successi e dolorose sconfitte… e, forse, è proprio nell’attesa di una risposta che capiamo quanto valga la domanda…

Voi cosa ne dite? Cosa avete aspettato di più nella vita?

 

Raffaella Chierici
raffaella@studiologos.eu