fbpx
Il piano editoriale per i nostri contenuti online - Studio Logos Agenzia
16589
post-template-default,single,single-post,postid-16589,single-format-standard,bridge-core-2.2.3,qode-page-transition-enabled,ajax_fade,page_not_loaded,,side_area_uncovered_from_content,qode-theme-ver-24.9,qode-theme-bridge,qode_header_in_grid,wpb-js-composer js-comp-ver-6.1,vc_responsive,elementor-default,elementor-kit-1061
 

Il piano editoriale per i nostri contenuti online

Il piano editoriale per i nostri contenuti online

Il piano editoriale per i nostri contenuti online

Sappiamo come scrivere per il web. Quali parole chiave utilizzare. 

Ma senza un piano editoriale che organizzi la pubblicazione dei nostri contenuti online rischiamo di vanificare tutto quello che abbiamo imparato in ottica SEO.

Il piano editoriale NON deve essere uno schema fisso e immodificabile. Anzi! Deve essere uno strumento dinamico, pronto a raccogliere nuove idee ed amplificarle all’interno di uno schema che dobbiamo gestire con elasticità.

I 3 punti fondamentali per la creazione di un piano editoriale

Primo.

Differenziamo i nostri obiettivi per argomenti e in base alle variabili temporali: a breve, medio o lungo periodo.

Faccio un esempio: abbiamo organizzato un evento che si svolgerà tra sei mesi. Più l’evento si avvicina e più dovrà aumentare la frequenza di pubblicazione di articoli di promozione dell’evento.

Un obiettivo a lungo termine, invece, tipo il consolidamento del brand aziendale necessita di una programmazione costante e continuativa. E devono essere usati contenuti differenti da stemperare nel lungo periodo.

Secondo.

Scegliamo il target di riferimento in funzione di ogni nostro obiettivo scelto. Dobbiamo creare dei veri e propri “profili tipo” a cui dedicheremo i nostri articoli. Se daremo loro la possibilità di commentare anche sul nostro sito oltre che sui nostri social, potremo creare vere e proprie schede dedicate ai nostri lettori. Questo è fondamentale per creare articoli ad hoc per ogni target e fare sentire i nostri utenti ascoltati, aiutati e inclusi nel nostro “mondo”.

Terzo.

Impostiamo la tipologia di contenuti da utilizzare. Sì perché, oltre all’articolo originale e redatto nel giusto “tone of voice” dobbiamo inserire dati, strumenti, e informazioni. Materiali che colpiscano e aiutino i nostri utenti a fidarsi sempre più di noi e permettano l’incremento della nostra reputazione. E, di conseguenza, della nostra attività.

Quali possono essere questi contenuti? Infografiche, sondaggi, esperienze, case history, video e altri contenuti interattivi.

A questo punto possiamo strutturare il nostro piano editoriale, dividendo i contenuti in base alla frequenza di pubblicazione.

Vuoi ottimizzare il tuo piano editoriale? Siamo qui per aiutarti, contattaci per un preventivo gratuito!

Raffaella Chierici
raffaella@studiologos.eu