1° assioma della comunicazione: NON SI PUÒ NON COMUNICARE.

È impossibile non comunicare.
Anche una pagina vuota comunica: trasmettendo la volontà di non esprimere nulla sta, comunque, mandando un messaggio.

Qualsiasi scelta si faccia è sempre comunicare.

Ma qual è allora il modo migliore per farlo? Foglio vuoto o foglio pieno? Troppo o troppo poco?

In una società come la nostra, caratterizzata da tempistiche risicate, da impegni costanti e continui sembra vincente la comunicazione breve, sintetica, quasi ermetica.

Tuttavia, quando qualcosa ci colpisce, scuote, stimola troviamo il tempo per approfondire l’argomento… e quindi appare vincente una comunicazione esaustiva.

Io sono per una comunicazione inizialmente d’impatto, breve e concisa per poi concedere – a chi vorrà approfondire – tutta una serie di informazioni aggiuntive in grado di soddisfare ogni curiosità o interesse.

Brava eh? Ok… è la base della scrittura SEO…

Onestamente, non mi sento di preferire il foglio vuoto o il foglio pieno… A questo punto ci si pone davanti l’amletico dubbio: “è nato prima l’uovo o la gallina?”

Voi cosa dite?

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.